Le Iene - Cani da rapina

Titolo originale: Reservoir Dogs

share

Le Iene - Cani da rapina è un film di genere noir del 1992, diretto da Quentin Tarantino, con Harvey Keitel e Tim Roth. Durata 102 minuti. Distribuito da PENTA DISTRIBUZIONE (1992) - PENTAVIDEO, MEDUSA VIDEO (PEPITE).

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

4.4 di 5 su 88 voti


TRAMA LE IENE - CANI DA RAPINA:

Dopo una rapina ad un grossista di gioielli, alla banda viene tesa un'imboscata: è chiaro che qualcuno ha parlato. La caccia al traditore e la ricerca di una via di fuga coincidono.

CRITICA DI LE IENE - CANI DA RAPINA:

"Nessuno può mettere in dubbio che questo film di Quentin Tarantino sia durissimo, arciviolento, crudele e di una esasperata brutalità, aggravato da triviali battute del dialogo. Per obbligo di obiettività, tuttavia, vi sono due aspetti da non ignorare: un montaggio eccellente e senza cedimenti, poichè la truce storia, anzichè svolgersi normalmente un evento dopo l'altro in logica successione, anticipa e posticipa i singoli episodi in una sorta di mosaico di forte effetto e tensione; un'accurata e penetrante caratterizzazione dei banditi, mai piatti nella loro malvagità, anzi di spiccata vivezza nelle singole personalità. E' per questo che la ricostruzione dell'insieme non ha molto di complicato e assicura suspence, orrore e interesse in equilibrata misura. Il cast è scelto bene: tra i migliori Harvey Keitel (White), Tim Roth (Orange), Michael Madsen (il feroce aguzzino Vicblonde)" (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 114, 1992)"Seguendo a ritroso ciascun personaggio fino ad un attimo prima della rapina, che con una scelta di decisiva efficacia è invece deliberatamente omessa dal racconto, Tarantino scompone e ricompone la progressione narrativa, comprime l'azione dei caratteri e l'essenzialità della rappresentazione. L'unità di tempo, di luogo e d'azione, benché violata nella sua formula classica, si ripropone come solida intelaiatura di un dramma noir, una tragedia del dubbio e del tradimento di forti sapori shakespeariani, una sorta di Kurosawa da camera, o di Kubrick intinto di splatter e di rock anni '70. Barlumi di umanità disperata mescolati a lampi di cinismo sordido di sadica ferocia, di selvaggia follia, illuminano le psicologie di questo branco di mastini del crimine destinati allo scannamento reciproco. Non c'è uno solo degli interpreti che risulti men che perfetto nel proprio ruolo. Ma tra i produttori di 'Cani da rapina', assieme a Monte Hellman, figura il nome di Harvey Keitel, che ha preso a cuore il film con grande entusiasmo sin dall'inizio. E questo è bastato a fare la differenza." ('Il Messaggero', 21 giugno 1993)"Comunque il film ha qualità molto serie, rivela un autore che continuerà a far parlare di sé nel cinema americano, e, senza aprir proprio strade nuove, offre al filone gangster delle possibilità perfino più realistiche del solito, con un'attenzione tutta speciale, e profonda, per le psicologie. Tra gli altri meriti, la direzione degli attori. La regia, pur tenendoli sempre su note alte, è riuscita a non farne soltanto degli archetipi della brutalità, ma ne ha sfumato spesso reazioni e contorni; con ferma decisione. (...) Facce spietate, maschere grintose, ma anche in sottofondo, con ansie e tremori: che, se avessero prevalso, avrebbero dato al film un rilievo anche più ampio." ('Il Tempo', 25 giugno 1993)"Prendiamoci un assaggio di quello che sarà il non facile impatto con 'Pulp Fiction' di Quentin Tarantino Palma d'oro al Festival di Cannes '94. I pulp magazines sono i fumetti popolari, a basso prezzo, di segno grafico grossolano, tutti azione e violenza esasperata: una popular art che esprime in un concentrato iperrealistico tutta la violenza urbana delle moderne metropoli e l'assurdo comportamento delle individualità deviate. Con 'Le iene' questo allievo dichiarato di Martin Scorsese e di Sergio Leone ha fatto le prove generali di 'Pulp Fiction'. Il titolo originale significa collezione di cani e questi gangster simbolo del Male sono cani rabbiosi che uccidono senza pietà. 'Le iene' è una 'Giungla d'asfalto' degli anni '90, dove si è perso ogni alone romantico intorno alla figura del criminale per sostituirlo con un crudo realismo il cui colore predominante è il rosso del sangue. Una tragedia totale, una moderna tragedia elisabettiana alla quale nessuno sfugge e dalla quale è bandita ogni possibilità di salvezza." (Enzo Natta, 'Famiglia Cristiana', 13 luglio 1994)

IL CAST DI LE IENE - CANI DA RAPINA:



Lascia un Commento
Lascia un Commento
Tickle my Phone | Lucy Boynton | The Closet Rec season 06 episode 19